Museo MAEC

Eventi

La Commedia e Cortona nel tempo di Dante

VII CENTENARIO DELLA MORTE DI DANTE

25 giugno>10 ottobre 2021

MAEC, sala Medicea di Palazzo Casali – CORTONA

 

MOSTRA

La Commedia e Cortona nel tempo di Dante

In mostra i preziosi manoscritti medievali e rarissimi documenti cortonesi del Trecento

La Commedia i manoscritti e un’antica edizione a stampa

Di Dante non è rimasto alcun documento autografo, e non è stato possibile identificare nessun manoscritto originale della Commedia. Ma il capolavoro del sommo Poeta ebbe, già a pochi anni dalla morte, una larghissima diffusione. Tra le centinaia di copie che si moltiplicarono grazie all’ampia produzione di codici redatti tra il ‘300 e il ‘400 da numerosi copisti, la Biblioteca del Comune e  dell’Accademia Etrusca di Cortona possiede due esemplari di grande pregio: il celebre Cortonese 88 un codice in pergamena che, scritto e miniato nella seconda metà del ‘300 dal copista fiorentino Romolo Lodovici, appartiene al gruppo dei primi manoscritti che diffusero il poema di Dante; e il Cortonese 246, un manoscritto cartaceo della prima metà del ‘400, di cui si apprezza la disposizione ariosa del testo e la decorazione “a bianchi girari” tipica delle manifatture fiorentine dell’epoca.
La Commedia continuò ad essere un’opera di successo anche dopo l’introduzione della stampa a caratteri mobili (1452), e cortonese è  l’esemplare dell’edizione veneziana del 1407,l’Incunabolo 72 , arricchita dal commento di Cristoforo Landino (1424-1498) e da un ricco apparato di illustrazioni xilografiche.

Il Laudario di Cortona e la musica sacra al tempo di Dante

Dante amava la musica, che spesso, come nella tradizione dei Trovatori, accompagnava la poesia profana e senz’altro conosceva le Laude,  ovvero i canti devozionali che il popolo, riunito in confraternite, intonava in onore della Madonna e dei Santi.
Purtroppo molte di quelle antiche melodie sono andate perdute, ma proprio a Cortona si conserva il Laudario, la più antica raccolta di  Laude in volgare accompagnate dalla notazione musicale che ne rende ancora possibile l’esecuzione.
Il manoscritto fu fatto realizzare alla fine del ‘200 dalla compagnia dei laudesi cortonesi che ogni giorno intonavano i canti in onore di Maria e dei Santi nella chiesa di San Francesco, la stessa chiesa da cui proviene anche l’Antifonario, splendido codice in cui sono raccolti i canti in latino che il coro intonava nel corso della liturgia. Realizzato pochi anni prima del Laudario, il manoscritto è impreziosito dalla mano di un miniatore aretino, di cui si può apprezzare l’abilità nella resa vivace e commovente della figura di san Francesco, che tra cielo e terra leva le mani verso il Cristo benedicente.

Il giubileo del 1300 Religione e politica al tempo di Dante

Nel 1300 papa Bonifacio VIII indice il primo giubileo per tutti i cristiani, nel 1312 Ranieri Casali, futuro signore di Cortona, ottiene  dall’imperatore Arrigo VII il titolo di Vicario imperiale, nel 1325 papa Giovanni XXII istituisce la Diocesi di Cortona sottraendo la città e il  comune dal controllo del Vescovo Aretino. Pochi ma intensi anni che vengono qui illustrati attraverso due documenti eccezionali.
La cosiddetta Lettera di Silvestro, la lettera “circolare” che lo scriptor pontificio Silvestro de Adria scrisse per comunicare e spiegare ai  Cristiani la bolla con cui Bonifacio VIII aveva indetto l’anno giubilare. La promessa della concessione dell’indulgenza di tutti i peccati ai  fedeli che si fossero recati a Roma e avessero seguito l’itinerario di preghiera presso le principali basiliche custodi delle più importanti reliquie, qui illustrate attraverso le immagini di san Pietro, san Paolo e del Volto di Cristo della Veronica. Il poeta non esita a predire la  prossima dannazione di questo come di un altro papa, quel Giovanni XXII, di cui qui si espone per la prima volta la Littera gratiosa , con  cui nel 1325 istituì la Diocesi di Cortona. L’evento segna di fatto la liberazione di Cortona dal giogo imposto dal Vescovo aretino ed eleva  Cortona a città.

Dante Il primo dei Toscani illustri
FOTO RITRATTO DI DANTE

Tra i fili che legano Cortona a Dante, oltre ai manoscritti della Commedia, che provengono dalle collezioni dell’Accademia Etrusca e  l’edizione quattrocentesca che appartenne ad un frate cortonese di nome Alessandro, c’è il contributo non molto noto di Filippo Venuti  (1706-1768) uno dei fratelli che nel 1727 fondarono l’Accademia Etrusca di Cortona. Uomo colto e raffinato, amico di Montesquieu e di  Voltaire, tra le molte altre imprese culturali che gli si devono, c’è il “Magazzino Toscano”, un periodico fondato nel 1754 a Livorno, che  aveva l’ambizione di rispondere non solo ai lettori colti, ma anche a quanti, impegnati nelle professioni, fossero animati dal desiderio di avvicinarsi alla cultura «con facilità, e senza noia» Così nel primo numero di un giornale nel quale avrebbero trovato posto articoli  sull’inoculazione del vaiolo, sul commercio, sugli usi degli antichi, notizie dall’Europa e molto altro, la Vita di Dante con il ritratto del  poeta è la prima di una serie di biografie di uomini illustri, scelti per formare il patrimonio culturale comune dell’identità dei nuovi e dei  vecchi Toscani.

Dante non si tocc@

Accanto all’esposizione dei documenti e dei libri antichi, una postazione multimediale, interattiva e touchless appositamente sviluppata  per questa mostra, consente di vivere una esperienza immersiva, che rende possibile sfogliare virtualmente gli antichi codici ed  apprezzarne da vicino i testi, le immagini e la musica.

 

 

Cortona al tempo di Dante

Conferenza del prof. Franco Franceschi

Venerdì 16 luglio, ore 17.00

MAEC, sala Medicea di Palazzo Casali – CORTONA

Cortona al tempo di Dante

Conferenza del prof. Franco Franceschi
Docente dell’Università degli Studi di Siena

La conferenza approfondirà il contesto storico e sociale della Cortona medievale, con particolare riferimento ai rapporti con la vicina Arezzo, che, come noto, sono caratterizzati da accese conflittualità (generalizzabile nell’incontro/scontro tra le istanze di una politica filo-imperiale di parte ghibellina e filo-papale di parte guelfa), che condurranno nel 1325 all’istituzione della diocesi di Cortona da parte di papa Giovanni XXII, di cui si è messa in mostra la lettera pontificia originale.

a seguire esibizione del gruppo storico Città di Cortona

In collaborazione con il Consiglio dei Terzieri

 

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA:

0575637235

info@cortonamaec.org

 

MOSTRA TEMPORANEA – 25 giugno>10 ottobre 2021

La Commedia e Cortona nel tempo di Dante

In mostra i preziosi manoscritti medievali e rarissimi documenti cortonesi del Trecento

Notturno al MAEC

aperture straordinarie serali

25 giugno, 3 e 23 luglio, 6 e 20 agosto, 10 settembre

Aperture straordinarie serali dalle ore 21.00 alle ore 23.00 con visite tematiche alle mostre “Luci dalle Tenebre” e “La Commedia e Cortona nel tempo di Dante”.

Costo del biglietto: € 6

prenotazione obbligatoria*

Tel. (+39) 0575 630415 – (+39) 0575 637235
prenotazioni@cortonamaec.org

*il servizio si attiverà con un minimo di 8 persone

La Commedia e Cortona nel tempo di Dante

VII CENTENARIO DELLA MORTE DI DANTE

Venerdì 25 giugno, ore 17.00

MAEC, sala Medicea di Palazzo Casali – CORTONA

 

INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA

La Commedia e Cortona

nel tempo di Dante

In mostra i preziosi manoscritti medievali e rarissimi documenti cortonesi del Trecento

 

Conferenza del prof. Roberto Antonelli
Vice presidente dell’Accademia dei Lincei

Dante poeta-giudice

del mondo terreno

 

 

Interverranno:
Luciano Meoni, Sindaco di Cortona
Sergio Angori, Conservatore bibliografico dell’Accademia Etrusca
Patrizia Rocchini, Curatrice della mostra e del catalogo
Renato Floris, Segno identitario e progetto espositivo

Chi è di scena?

Spettacoli teatrali al MAEC parco per adulti e bambini

Domenica 27 giugno, ore 18.00

MAEC parco, loc. Sodo di Cortona

L’ULISSEA

A cura di Teatro Trabagai

Spettacolo ispirato e tratto dall’Odissea di Omero: il racconto, comico poetico ed accattivante, del fantastico viaggio di Ulisse dalla distruzione di Troia fino alla sua patria in Itaca. Due menestrelli narrano, cantano, suonano ed interpretano personaggi nella magia di un mondo affascinante e pieno di creature a tratti bizzarre,bizzose e terrificanti. Lo spettacolo è un intreccio originale tra teatro, letteratura, cultura popolare e comicità, ed intervalla la narrativa con versi dell’Odissea cantati su melodie popolari del sud Italia.

Voce e mandolino Giorgio Monteleone, voce e chitarra Elena Farulli.

 

Domenica 22 agosto, ore 18.00

MAEC parco, loc. Sodo di Cortona

STORNELLI INFERNALI

A cura di Teatro Trabagai

Spettacolo ispirato e tratto dall’Inferno di Dante Alighieri. Due menestrelli raccontano, in maniera comica ma fedele, il rocambolesco viaggio di Dante e Virgilio, intervallando la narrativa con versi della Divina Commedia cantati su arie popolari. Un originale intreccio tra teatro, letteratura, cultura popolare e comicità.

Voce e chitarra Elena Farulli, voce e mandolino Giorgio Monteleone.

 

Domenica 29 agosto, ore 18.00

MAEC parco, loc. Sodo di Cortona

PRINCIPESSA TRISTE

A cura di Teatro Trabagai

Un pentolaio arriva con il suo carretto pieno di pentole e si presenta ai bambini: interagisce con loro e davanti a loro, come per magia, trasforma il carretto in un castello, dalle cui finestre si affaccia la principessa triste. Catapultato nella storia che lui stesso sta raccontando, il pentolaio si troverà ad affrontare diverse peripezie per rendere felice la principessa. Una fiaba classica russa “la principessa triste”, che nella nostra versione liberamente riadattata tocca temi come il consumismo, l’amicizia, la solidarietà.

Spettacolo per due attori e burattini con Elena Farulli e Giorgio Monteleone.

 

Evento ideato e realizzato da Coop Culture, Itinera e AION Cultura, promosso da MAEC, Comune di Cortona, Accademia Etrusca, in accordo con Direzione Regionale Musei della Toscana, Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Provincie di Siena, Grosseto e Arezzo.

Spettacoli a cura dell’associazione Trabagai

 

INFO E PRENOTAZIONI:

+39 0575/630415

cortonamusei@itinera.info

COSTO SPETTACOLI:

ADULTI € 8,00

BAMBINI € 6,00 (da 0 a 3 anni gratuito)

Visite guidate alla Mostra e al MAECParco

Ogni domenica un appuntamento fisso

Visita guidata alla mostra “Luci dalle tenebre”  ogni domenica alle ore 11.00 e alle ore 16.00

Visita guidata al MAEC Parco ogni domenica alle ore 11.00

Il costo è di € 3,00 a persona oltre al normale prezzo del biglietto.

la prenotazione è obbligatoria:
Tel. (+39) 0575 630415 – (+39) 0575 637235
prenotazioni@cortonamaec.org

 

Teatro Archeologico

II teatro tra i monumenti etruschi

In occasione delle NOTTI DELL’ARCHEOLOGIA 2021

rumorBianc(O) diffonde il teatro in spazi non convenzionali e promuove la cultura teatrale creando un rapporto innovativo fra spettatore e attore.

La terza edizione di Teatro Archeologico vedrà anche quest’anno come scenario naturale e unico il Parco Archeologico del Sodo di Cortona con la spettacolare gradinata-terrazza decorata da gruppi scultorei ed elementi architettonici di stile orientalizzante.

direzione artistica Chiara Renzi/rumorBianc(O)

 

sabato 4 LUGLIO • ore 16.00

Romeo e Giulietta,
l’amore è saltimbanco

dove —> Parco Archeologico Loc. Sodo di Cortona (Ar)
CACCIA AL TESORO SMART + TEATRO

INGRESSO 7 euro • prenotazione obbligatoria
Gratuito per i bambini da 0 a 3 anni

ACQUISTA IL BIGLIETTO ON-LINE

 

domenica 11 LUGLIO • ore 17.00

SHAKESPEAROLOGY

dove —> Parco Archeologico Loc. Sodo di Cortona (Ar)
PICNIC + MUSICA + VISITA GUIDATA + TEATRO

BIGLIETTI • prenotazione obbligatoria
7 euro
(visita guidata al Parco Archeologico del Sodo + spettacolo)
gratuito per i bambini da 0 a 3 anni
15 euro
(cestino pic-nic* + musica dal vivo + visita guidata al Parco Archeologico + spettacolo)
20 euro
(cestino pic-nic* + drink alcolico + musica dal vivo + visita guidata al Parco Archeologico + spettacolo)
*Possibilità di prenotare menù vegano

ACQUISTA IL BIGLIETTO ON-LINE

 

domenica 1 AGOSTO • ore 18.00

Storia di un uomo
e della sua ombra
(mannaggia ‘a mort)

dove —> Parco Archeologico Loc. Sodo di Cortona (Ar)
In collaborazione con Sosta Palmizi/Altre Danze

INGRESSO 7 euro • prenotazione obbligatoria
Gratuito per i bambini da 0 a 3 anni.

ACQUISTA IL BIGLIETTO ON-LINE

 

martedì 10 AGOSTO • ore 18.30

Divina Commedia al Bar

dove —> Circolo di Ossaia (Ar)

ARCHEO WALK + MUSICA LIVE ITINERANTE + FOOD BAG + TEATRO

BIGLIETTI • prenotazione obbligatoria
15 euro
(archeo walk+food bag+spettacolo)
Ingresso gratuito allo spettacolo per i bambini da 0 a 3 anni

ACQUISTA IL BIGLIETTO ON-LINE

 

INFORMAZIONI:

prenotazioni@rumorbianco.it

UN PROGETTO DI:

rumorBianc(O)

Un progetto di rumorBianc(O)/direzione artistica Chiara Renzi
promosso da MAEC, Comune di Cortona, Accademia Etrusca, in accordo con Direzione Regionale Musei della Toscana, Soprintendenza
Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Provincie di Siena, Grosseto e Arezzo.
In collaborazione con Sosta Palmizi/Altre Danze
con il sostegno di Cortona Photo Academy, Estratti di Toscana
progetto realizzato con il contributo di Fondazione CR Firenze

Luci dalle tenebre. Dai lumi degli Etruschi ai bagliori di Pompei

5 giugno > 12 settembre 2021

Cortona
MAEC-Museo dell’Accademia Etrusca e della Città di Cortona
5 giugno – 12 settembre 2021

SITO WEB

Cortona, tornano le grandi mostre di rilievo internazionale al MAEC.

Luci dalle tenebre, dai lumi degli Etruschi ai bagliori di Pompei è in assoluto la prima mostra dedicata all’illuminazione nel mondo etrusco e offre un percorso attraverso reperti provenienti dai più prestigiosi Musei italiani.

Per la prima volta una esposizione interamente dedicata alle tecniche di illuminazione e ai rituali connessi nell’epoca etrusca. In mostra, grazie alla collaborazione di docenti dei maggiori Atenei Italiani e di studiosi di fama internazionale, gli oggetti che testimoniano le tecniche di illuminazione naturale e gli strumenti di illuminazione artificiale usati dagli Etruschi.Dal celebre lampadario etrusco in bronzo già custodito nelle sale del MAEC, stupefacente e prezioso strumento di illuminazione artificiale antica, all’eccezionale prestito dal Mann di Napoli: una statua ritrovata a Pompei rappresentante un efebo, cui è dedicato uno speciale allestimento nella sala dei Mappamondi. La statua in bronzo è alta circa un metro e mezzo e rappresenta un adolescente con un candelabro che svolgeva il ruolo di accoglienza per gli ospiti illustri nelle dimore dell’antichità.
Una intera sezione è dedicata ai sistemi di illuminazione collegati alla cultura nuragica, sviluppata nella Sardegna preromana, ed una sezione, particolarmente ricca, è riservata ad alcune delle più prestigiose realizzazioni rinvenute nella città di Pompei – legata al mondo etrusco da antichi vincoli di dipendenza – fra cui una splendida statua di efebo lampadoforo rinvenuta integra in una ricca dimora di via dell’Abbondanza.
Le tematiche cardine: La “luce divina” | la luce naturale e le tecniche per un’illuminazione ecologica e naturale degli ambienti | le tecniche di illuminazione artificiale attraverso gli strumenti in bronzo, ferro o ceramica. Il progetto favorisce un notevole avanzamento nel campo della conoscenza della società etrusca in ambito internazionale ma soprattutto permette al grande pubblico di conoscere i modi e i tempi con cui i nostri avi illuminavano le loro abitazioni in modo ecologico ed ecosostenibile attraverso l’uso di risorse rinnovabili, invitando i visitatori ad una profonda riflessione sui temi dell’ecologia mondiale.
Uno spazio ampio e dettagliato è rivolto alla didattica, con modelli tridimensionali ed effetti suggestivi inseriti in una «stanza immersiva» con l’utilizzo della realtà aumentata e una copia del lampadario etrusco interattivo che permette di conoscere in modo innovativo alcuni degli aspetti di questo importante reperto.
«La mostra ‘Luci dalle tenebre’ è anche una nuova occasione per celebrare il legame fra gli Etruschi e Pompei – dichiara l’assessore alla Cultura, Francesco Attesti – per questo ringraziamo il direttore del Mann, Paolo Giulierini, con cui abbiamo fattivamente collaborato. Dopo la riapertura del nostro museo, adesso è il momento di guardare avanti – prosegue Attesti – e lo facciamo con audacia, perché programmare una mostra in un periodo ancora non facile è senza dubbio una sfida, una sfida he dobbiamo vincere per il rilancio del nostro territorio attraverso politiche culturali e turistiche».
«È un’occasione straordinaria per celebrare la ripresa delle attività culturali che sono state ortemente colpite – assieme alla vita sociale ed economica, oltre che sanitaria – dalle limitazioni alla fruizione di musei, biblioteche e più in generale tutti i luoghi nei quali si vive l’esperienza culturale del nostro Paese – dichiara il vice lucumone dell’Accademia Etrusca, Paolo Bruschetti – È anche l’occasione per riprendere un discorso interrotto ormai da alcuni anni, che vede protagonista la nostra città con l’offerta di occasioni di grande rilievo internazionale. Ed è infine un mezzo per riproporre Cortona come meta di un percorso nazionale che tanti visitatori apprezzano e condividono con noi. Non dimentichiamo infine che fra pochi anni saranno compiuti i tre secoli di vita e di attività dell’Accademia»
«Accanto al nostro celebre Lampadario, altri reperti si uniranno provenienti dai più prestigiosi Musei etruschi, in particolare da Firenze, Perugia, Tarquinia, Villa Giulia di Roma per lanciare un segnale significativo di vita nuova e di speranze per il futuro dell’umanità – dichiara il presidente del Comitato tecnico del Maec, Nicola Caldarone – Il passaggio da una stagione fredda e buia a un’altra radiosa era salutato già nell’antichità con le suggestive celebrazioni della fiamma, auspichiamo che questo passaggio possa avvenire al più presto possibile, rispetto al difficile momento che stiamo vivendo».
«Siamo orgogliosi di poter offrire ai visitatori di Cortona una mostra di alto livello – dichiara il sindaco Luciano Meoni – si tratta del primo importante evento culturale dopo questi mesi difficili che ci hanno costretto a far slittare questo evento. Non tutto il male vien per nuocere, come in questo caso, infatti la mostra si presenta ancora più ricca rispetto a quanto era stato previsto nel 2020».
L’iniziativa si avvale della collaborazione degli Uffici periferici del Ministero della Cultura, in primis le Direzioni Regionali dei Musei delle varie regioni cui fanno capo i Musei prestatori, e le Soprintendenze Archeologia, Belle Arti e Paesaggio territorialmente competenti. In particolare si desidera rammentare la Direzione Regionale della Toscana e la Soprintendenza ABAP delle province di Siena, Arezzo Grosseto, da sempre legate a Cortona e al MAEC e attive nella promozione delle varie attività proposte dal Museo. Va quindi ricordato il rapporto intercorso fra il MAEC e l’Accademia Etrusca con la Fondazione Luigi Rovati di Milano, con la quale è stato sottoscritto di recente un atto di intesa: la collaborazione con la Fondazione nella circostanza di questa mostra costituisce la prima occasione di contatto scientifico fra i due Istituti.

INFORMAZIONI E BIGLIETTI

Riapertura MAEC e MAEC Parco

Comunicazioni

In occasione dell’inaugurazione della mostra “Luci dalle tenebre. Dai lumi degli Etruschi ai bagliori di Pompei”, il Parco Archeologico e il MAEC resteranno chiusi al pubblico per tutta la giornata del 4 giugno 2021.

Qualora altre disposizioni ministeriali stabilissero il passaggio della Regione Toscana a zona “arancione” o “rossa” il Museo e Parco resteranno chiusi al pubblico.

BIGLIETTI ON-LINE

Acquista on-line i biglietti per il:

MUSEO
PARCO ARCHEOLOGICO

MAEC sotto le stelle

Trekking, visione delle stelle e workshop di fotografia

10 AGOSTO • ore 21.00

Circolo ARCI di Ossaia, Cortona
COME ARRIVARE

MAEC sotto le stelle

Trekking notturno da Ossaia alla chiesa di San Donato, media difficoltà durata circa 30 minuti.

San Donato, risalente all’XI sec. d.C., è una piccola chiesa di cui rimane ormai soltanto il campanile a vela e la base dell’abside, viene menzionata già in un documento del 1049, è situata lungo un importante tratto viario al culmine di un poggio tra gli olivi in una delle zone che, secondo la tradizione, videro il passaggio delle truppe del generale cartaginese Annibale. La chiesa fu probabilmente costruita sopra un preesistente edificio etrusco di cui poi fu riutilizzato il materiale lapideo.

Arrivati alla chiesa di San Donato il gruppo Astrofili di Arezzo spiegherà le costellazioni visibili e le leggende mitologiche da cui prendono il nome. Al temine, per gli appassionati di fotografia, il Fotoclub Etruria terrà un workshop sulle tecniche fotografiche in notturna, ricordatevi di portare macchina fotografica e cavalletto!

Il Circolo Arci di Ossaia fornirà a tutti i partecipanti un piccolo spuntino.

COSTO 7 euro* • prenotazione obbligatoria
*Il biglietto comprende un ingresso al MAEC Parco e al MAEC (valido per sette giorni dalla data dell’evento) partecipazione all’evento, snack box

Gratuito per i bambini da 0 a 6 anni.

PER PRENOTARE:
prenotazioni@cortonamaec.org
Tel. 0575 630415 – 0575 637235

PER INFORMAZIONI:
Maurizio 3357681280, Simona 3381622264
info@cortonamaec.org

© 2021 MAEC, C.F. 80006100517 - P. IVA 02025700515 | Cookies policy

Website by Tiphys

Informativa estesa sull’uso dei cookie nel sito

Con il presente documento, ai sensi degli artt. 13 e 122 del D. Lgs. 196/2003 (“codice privacy”), in base a quanto previsto dal Provvedimento generale del Garante privacy dell’8 maggio 2014 si forniscono agli utenti del sito alcune informazioni relative ai cookie utilizzati.

Che cosa sono i cookie

I cookies sono files che tengono conto delle preferenze dell’utente internet e vengono memorizzati nel browser utilizzato (Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, ecc.) per migliorare l’esperienza di navigazione e personalizzare contenuti in base alle preferenze dell’utente stesso.

Navigando su questo sito potrete ricevere nel vostro terminale anche cookie di “terze parti” poiché sul sito web sono presenti elementi come che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta.

I cookie sono usati per eseguire autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server per migliorare l’esperienza di navigazione e renderla il più personalizzata possibile.

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, rispetto ai quali, ai sensi dell’art. 122 del codice privacy e del Provvedimento del Garante dell’8 maggio 2014, non è richiesto alcun consenso da parte dell’interessato.

Il sito utilizza

Tutti i cookie sopra elencati possono essere utilizzati senza chiedere il consenso dell’utente, poiché sono strettamente necessari per la fornitura del servizio.

Attraverso questo sono installati alcuni cookie di terze parti, anche profilanti, che si attivano cliccando “accetto” sul banner o proseguendo la navigazione nel sito. Riportiamo il dettaglio dei singoli cookie di terze parti ed i link attraverso i quali l’utente può ricevere maggiori informazioni e richiederne la disattivazione.

GOOGLE ANALYTICS

Il Sito utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google Inc. che utilizza dei cookie che vengono depositati sul computer dell’utente per consentire analisi statistiche in forma aggregata sull’utilizzo del sito. I Dati generati da Google Analytics sono conservati da Google così come indicato nella Informativa reperibile qui

Per consultare l’informativa privacy della società Google Inc., titolare autonomo del trattamento dei dati relativi al servizio Google Analytics cliccare qui

Attraverso questo link Google rende disponibile il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics.

SOCIAL NETWORK

I Social buttons sono pulsanti presenti sul sito consentono agli utenti che stanno navigando di interagire con un “click” direttamente con i social network.

Sono utilizzati da questo sito come link che rinviano agli account del titolare o del navigatore sul social network individuato. Tramite l’utilizzo di tali pulsanti non sono pertanto installati su questo sito cookie di terze parti. Si riportano i link ove l’utente può prendere visione dell’informativa privacy relativa alla gestione dei dati da parte dei Social cui i pulsanti rinviano.

Twitter Policy Link

Facebook Policy Link

Linkedin Policy Link

Google+ Policy Link

Pinterest Policy Link

WEB FONTS

Google Fonts è un servizio di Google Inc. che permette di inglobare e visualizzare stili di carattere personalizzati. Può raccogliere nei cookies dati di utilizzo.

Google Policy Link

YOUTUBE E VIMEO

YouTube (gestito da Google Inc.) e Vimeo sono servizi dedicati alla visualizzazione di contenuti video con la possibilità di integrare i filmati all’interno delle pagine del proprio sito. Entrambi raccolgono nei cookies dati di utilizzo.

YouTube Policy Link

Vimeo Policy Link

Modalità del trattamento

Il trattamento viene effettuato con strumenti automatizzati e non viene effettuata alcuna diffusione o comunicazione.

Conferimento dei dati

Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare sul sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.

Fermo restando quanto sopra indicato in ordine ai cookie strettamente necessari alla navigazione, l’utente può eliminare gli altri cookie direttamente tramite il proprio browser. Ciascun browser presenta procedure diverse per la gestione delle impostazioni. L’utente può ottenere istruzioni specifiche attraverso i link sottostanti.

Microsoft Internet Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Apple Safari

Opera

La disattivazione dei cookie di terze parti è inoltre possibile attraverso le modalità rese disponibili direttamente dalla società terza titolare per detto trattamento, come indicato ai link riportati nel paragrafo “Cookie di terze parti utilizzati nel sito”.

Diritti dell’interessato

L’interessato potrà far valere in ogni momento, rivolgendosi al titolare del trattamento tramite l’invio di una mail i diritti di cui all’art. 7 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196.

Informativa e richiesta di consenso per il trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/03):

I dati personali, comunicati a qualsiasi titolo alla nostra azienda, saranno custoditi con mezzi informatici nel rispetto dei diritti e delle misure di sicurezza di cui alla vigente normativa in materia di protezione dei dati personali, e utilizzati esclusivamente per dare risposta a quanto richiesto (informazioni, prenotazioni, ecc.), o alla comunicazione dei servizi e dei prodotti offerti dalla nostra azienda alla propria clientela.
Chiunque abbia inviato alla nostra azienda propri dati personali (nominativo, indirizzo di posta elettronica, ecc.), potrà richiedere, in qualsiasi momento, informazioni sulla loro custodia in sicurezza, nonché aggiornamenti, rettifiche, integrazioni dei dati stessi, ovvero la loro cancellazione, al seguente indirizzo e-mail: info@cortonamaec.org (responsabile Prof. Paolo Bruchetti).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi